organizzatori di partecipazione
Comites Basilea
 

Il COMITES di Basilea è in facebook

***

***

Care e Cari Connazionali,

Il Consiglio Generale degli italiani all’estero promuove una videoconferenza informativa, domani, sabato 29 agosto alle ore 14.30, orario italiano, sul referendum costituzionale relativo alla riduzione del numero dei parlamentari in votazione il 20-21 settembre.

La videoconferenza è proposta dal CGIE per sopperire ad un deficit di informazioni istituzionali nella circoscrizione estero, è accessibile a tutti ed è rivolta in particolare alle Comunità italiane nel mondo; è stata organizzata per informare e far conoscere alle elettrici e agli elettori residenti all’estero i contenuti del quesito referendario e sarà trasmessa sulla piattaforma Zoom e in Facebook sulla pagina del Consiglio generale degli italiani all’estero.

Le ragioni del SI e del NO al referendum saranno presentate da due esponenti istituzionali: il senatore Gianni Pittella e l’onorevole Stefano Fassina.

La videoconferenza può essere seguita su facebook attraverso la pagina Consiglio Generale degli Italiani all’Estero (https://www.facebook.com/CGIE2011)

Invitiamo calorosamente tutte e tutti i Connazionnali a seguire l'importante videoconferenza per potere, ben infomrati, esercitare il diritto al voto!

***

 

75ESIMO ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE D’ITALIA DAL NAZIFASCISMO: IL 25 APRILE UN’INVASIONE DI MEMORIA

 

 “Dietro ogni articolo della Carta Costituzionale stanno centinaia di giovani morti nella Resistenza. Quindi la Repubblica è una conquista nostra e dobbiamo difenderla, costi quel che costi.” Sandro Pertini, Messaggio di fine anno agli Italiani, 1979

 

Care e Cari Connazionali, 

 

ci siamo affidati alle parole di Sandro Pertini, per ricordare quanto la nostra Repubblica sia fondata sull’impeto di libertà, di uguaglianza e di democrazia, eroicamente condotti da giovani partigiani e partigiane che con la vita pagarono la Liberazione del nostro Paese dal nazifascismo. 

Oggi più che mai l’Italia e il mondo intero necessitano di rinascita e di liberazione, di unità e di memoria storica. 

 

Sono trascorsi 75 anni dalla Liberazione partigiana d’Italia eppure la memoria della Resistenza necessita ancora di essere esplorata e alimentata per dare un senso a ciò che accade oggi e contribuire alla costruzione di un domani che sia continuazione, e mai abnegazione, della nostra storia liberata

Se, dunque, quest’anno a causa dell’emergenza da COVID-19 non potremo scendere per le strade e nelle piazze per celebrare uniti la nostra Storia di Liberazione, risulta ancor più importante celebrare la nostra libertà e rinascita, tornare a guardare al futuro con la stessa speranza e tenacia con cui i partigiani liberarono l’Italia e le sue genti.

 

La storia partigiana su cui si fonda la nostra Repubblica, storia di ideali collettivi e sociali, è emersa con forza anche in questo momento di inedita emergenza, è emersa attraverso la solidarietà, la fratellanza, la spinta egualitaria con cui il popolo italiano e globale ha lottato e lotta contro la pandemia. All’individualismo e all’egoismo più sfrenati l’Italia e il mondo intero hanno opposto e praticato ideali comunitari e solidali. 

Sono questi i valori della Resistenza da praticare per costruire quel mondo “più umano, più giusto, più libero e lieto” per cui ha lottato anche un partigiano di nome Italo Calvino. 

 

Con lo spirito volto alla celebrazione della Liberazione d’Italia l’anno scorso, insieme al gruppo GIR e la collaborazione del Consolato d’Italia in Basilea, abbiamo dedicato il 25 aprile alla Resistenza taciuta delle donne partigiane, quest’anno accogliamo e rilanciamo con gioia la proposta dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia. Un’invasione di Memoria che attraverso il canto partigiano Bella ciao, intonato da ogni balcone d’Italia, trascenda i confini nazionali e sia intonato anche da noi italiani all’estero e da tutti e tutte i partigiani del mondo.

 

Il 25 aprile alle ore 15, l'ora in cui ogni anno parte a Milano il grande corteo nazionale, invitiamo tutti caldamente ad esporre dalle finestre, dai balconi il tricolore e ad intonare Bella ciao. In un momento intenso saremo insieme, con la Liberazione nel cuore. Con la sua bella e unitaria energia.

 

Il Com.It.Es di Basilea invita i Connazionali, le Associazioni, le Istituzioni e gli Enti pubblici Italiani presenti nella nostra Circoscrizione ad aderire all’iniziativa di celebrazione nazionale del 25 aprile.

 

Al seguente link l’appello della Presidenza e della Segreteria nazionali ANPI con richiesta di adesioni: https://www.anpi.it/articoli/2298/il-25-aprile-il-paese-intero-canti-bella-ciao-ce-bisogno-di-speranza-e-unita?fbclid=IwAR1VdYgOGGXlEn4dtbiUYAGuegU6lUgzOE39btff4sU1vni5xTbtpXzc1G8

 

Con la preghiera di massima partecipazione. Buon 25 Aprile!

 

La Presidente

Nella Sempio

 

***

 

PRIMI ALLENTAMENTI DELLE MISURE ELVETICHE CONTRO IL NUOVO CORONAVIRUS

Il Consiglio federale, nella seduta del 22 aprile, ha previsto un allentamento graduale dei provvedimenti: dal 27 aprile 2020 gli ospedali potranno nuovamente effettuare tutti gli interventi e alcuni settori potranno riprendere la loro attività a determinate condizioni.

Se la situazione epidemiologica lo consentirà, l’11 maggio è prevista la riapertura delle scuole dell’obbligo, dei negozi e dei mercati. Il Consiglio federale deciderà in merito nella seduta del 29 aprile.

L’8 giugno saranno riaperte le scuole medie superiori, professionali e universitarie, i musei, i giardini zoologici e le biblioteche.

Il passaggio da una fase a quella successiva dipenderà dall’evoluzione dell’epidemia e sarà avviato soltanto se non si registrerà un forte aumento dei casi di Covid-19. Tra le singole fasi dovrà trascorrere un tempo sufficiente per monitorare gli effetti dell’allentamento dei provvedimenti. I criteri di valutazione sono i nuovi casi d’infezione, il numero di ricoveri in ospedale, il numero di decessi e il tasso di occupazione dei posti letto ospedalieri.

Noi tutti dovremo continuare a seguire le regole di igiene e di comportamento, onde impedire che il nuovo coronavirus riprenda a diffondersi più rapidamente.

Il Consiglio federale classifica ancora quella in Svizzera come situazione straordinaria ai sensi della legge sulle epidemie. Resta fondamentale, dunque, l’osservanza delle misure di distanziamento sociale e l’invito deciso a restare in casa.

Per approfondimenti, sull’allenamento graduale disposto dalla Confederazione, consultare la pagina Provvedimenti della Confederazione: https://www.bag.admin.ch/…/novel…/massnahmen-des-bundes.html

Segnaliamo, infine, link utili in cui trovare le risposte della Confederazione a domande di carattere generale.

FAQ sull’uso delle mascherine igieniche nello spazio pubblico: https://www.bag.admin.ch/…/n…/haeufig-gestellte-fragen.html…

FAQ sull’allentamento dei provvedimenti: https://www.bag.admin.ch/…/n…/haeufig-gestellte-fragen.html…

***

Prolungamento delle misure fino al 26 Aprile e nuovo servizio per le/i Connazionali

 

Care e Cari Connazionali,

 

Il Com.It.Es di Basilea e Circoscrizione Consolare per offrire ai nostri Connazionali l’assistenza necessaria in questo momento di importante difficoltà ha attivato sin dall’inizio dell’emergenza da COVID-19 diversi sportelli di supporto e di veicolo di cruciali informazioni riguardanti le pratiche generiche come il rientro dei Connazionali in Italia, i permessi di soggiorno in scadenza oppure riguardanti situazioni di Connazionali solo temporaneamente in Svizzera e quindi sovente con difficoltà concernenti i documenti, ancora per le esigenze di accesso al sistema sanitario svizzero e da ultimo, ma non meno importante, ci siamo prodigati per organizzare un servizio di assistenza psicologica, tramite Sportello telefonico gratuito, rivolto alle/ai Connazionali presenti su tutto il territorio elvetico.

 

Nella giornata di ieri, mercoledì 8 aprile 2020, il Consiglio Federale ha decretato il prolungamento fino al 26 aprile 2020 di tutti i provvedimenti vigenti. È importante che tutte e tutti noi continuiamo a seguirli e a restare a casa, anche durante i giorni di Pasqua. In questo modo contribuiamo tutti insieme a contenere la diffusione del nuovo coronavirus. Indichiamo, altresì, che il Consiglio Federale ha messo a disposizione, al seguente link, un importante ventaglio di risposte alle domande più frequenti e sulle questioni che maggiormente preoccupano la popolazione, Vi invitiamo a consultarlo https://www.ch.ch/it/coronavirus-domande-e-risposte

 

L’emergenza da COVID-19 ci chiama tutte e tutti ad una presa di responsabilità decisa, insieme ad atti di solidarietà sincera che mai in queste situazione dovrebbero mancare. Cogliamo l’occasione per ringraziare le Istituzioni tutte, l’Ambasciata d’Italia in Svizzera, il Consiglio Generale degli Italiani all’Estero (CGIE), il Consolato d’Italia in Basilea e tutta la rete Consolare per l’importante supporto e l’esempio di virtuosa assistenza che a tutti noi e alla nostra Comunità stanno dimostrando.

 

La pandemia di Coronavirus, tuttavia, non è uguale per tutti, le fasce socialmente più deboli o a maggior rischio di contagio necessitano particolare attenzione insieme al supporto di cui la nostra solidale Comunità è capace. Per tale ragione da oggi, e per tutta la durata dell’emergenza, il Consigliere dello scrivente Com.It.Es nonché Tesoriere, Vincenzo Bruzzese, si rende disponibile per le/i Connazionali residenti nel Canton Soletta ad aiutare le persone sole o anziane, bisognose di un supporto per svolgere le semplici azioni della vita quotidiana che, per via dell’emergenza e per l’invito a restare in casa, sono impossibilitate a compiere: da far la spesa a recarsi alle poste e in farmacia. Il Sig.re Bruzzese con grande generosità è pronto ad aiutarvi.

 

Per coloro che abbiano bisogno del dispiego di queste faccende quotidiane e ne sono, perché anziane o per altre ragioni, impossibilitate può raggiungere il Sig.re Bruzzese al seguente numero: 078 690 18 53.

 

Come la storia della nostra Comunità ci insegna la solidarietà è una preziosa arma in mano a persone di cuor gentile. Al Sig.re Bruzzese vanno i nostri più sinceri ringraziamenti.

Cogliamo l’occasione per esprimere la nostra vicinanza a tutta la comunità italiana, svizzera e internazionale che con dignità, unione e forza sta lottando contro questa nuova pandemia da Corona Virus.

Il nostro ringraziamento particolare torna al personale sanitario e medico e alla comunità scientifica internazionale che in questa emergenza stanno donando senza tregua le proprie competenze, cure e tempo per la salvaguardia della nostra salute, nonostante le soventi condizioni di precarietà e instabilità lavorativa che caratterizzano il settore. A loro, e a tutte e tutti noi che responsabilmente stiamo preservando la nostra Comunità rispettando le norme e decreti federali, il nostro sincero Grazie!

Con i più sinceri auguri di una Buona e Serena Pasqua da trascorrere in casa, insieme ai nostri affetti, perché è questo l’unico modo di preservarli e con loro tutta la nostra cara comunità. Che sia una festa di dono e non di egoismo!

 

IL COMITES DI BASILEA

 

***

EMERGENZA COVID-19: NUOVO SERVIZIO ATTIVO PER I/LE CONNAZIONALI

Per far fronte all’emergenza da nuovo COVID-19 e per offrire ai nostri Connazionali un ulteriore servizio d’assistenza, da oggi il nostro Comites attiverà, fino a tutto il periodo emergenziale, un servizio di assistenza psicologica, tramite Sportello telefonico gratuito, rivolto alle/ai Connazionali presenti su tutto il territorio elvetico.

Il servizio di Sportello psicologico, che si affianca allo sportello telefonico e al servizio mail già attivi con il supporto del gruppo GIR, sarà di sostegno soprattutto per affrontare stress e disagio psichico che il difficile momento può generare, insieme a fornire la competente assistenza a coloro che, già colpiti da problematiche preesistenti, vedono accrescere i lori sintomi.

Il servizio sarà effettuato attraverso colloqui telefonici gratuiti tenuti dal Dott. Antonio Marcello e dalla Dott.ssa Nella Sempio, entrambi in qualità di psicologici e terapeuti di consolidata esperienza.
I colloqui sono orientati ad offrire un sostegno psicologico qualificato e sono protetti da segreto professionale.

IL SERVIZIO E' GRATUITO.

Non esitate a chiamare o a scrivere un messaggio ad uno dei seguenti numeri: 078 211 15 33 - 076 441 29 53 oppure inviate una mail a marcello.psychologie@gmail.com o info@comites-basilea.ch.
Sarete contatti quanto prima.

RESTIAMO A CASA MA NON SIAMO SOLI!

Si ringrazia il Dott. Antonio Marcello per l'idea e la Sua generosa disponibilità.

 

***

 

NUOVI PROVVEDIMENTI STRINGENTI PER CHI RIENTRA IN ITALIA

I cittadini italiani che si trovino all’estero e ne abbiano assoluta necessità possono far rientro in Italia, seguendo una serie di misure di sicurezza dettate dalla normativa vigente. Cosa prevedono le nuove disposizioni ministeriali in vigore dal 28 marzo 2020

Fermo restando che le disposizioni in materia di mobilità e di sicurezza dei cittadini sono oggetto di continua evoluzione e che, pertanto, si raccomanda di verificare e tenersi informati solamente attraverso le fonti governative, diplomatiche e consolari ufficiali, riportiamo qui di seguito il più recente aggiornamento della normativa in vigore da sabato 28 marzo 2020. 

Le disposizioni attualmente in vigore consentono il rientro in Italia, se si tratta di una necessità assoluta.

È quindi, per esempio, consentito il rientro dei cittadini italiani o degli stranieri residenti in Italia che si trovano all’estero in via temporanea (per turismo, affari o altro).

E’ ugualmente consentito il rientro in Italia dei cittadini italiani costretti a lasciare definitivamente il Paese estero dove lavoravano o studiavano (perché, ad esempio, sono stati licenziati, hanno perso la casa, il loro corso di studi è stato definitivamente interrotto).

Come specificato sul proprio sito, la Farnesina garantisce ad oggi una serie di voli speciali per permettere il rientro in Italia a coloro che si trovino in altri Paesi che, a causa dell’emergenza Coronavirus, hanno sospeso i voli internazionali. Gli ultimi aggiornamenti e i siti delle compagnie che gestiscono tali voli, sono consultabili qui.

Una volta entrati nel territorio nazionale, gli interessati dovranno raggiungere la propria casa nel minore tempo possibile.

Le circostanze di assoluta urgenza devono essere autocertificate. Si raccomanda di preparare l’autocertificazione prima della partenza, indicando in modo specifico i motivi del rientro, in modo da rendere più rapidi i controlli. Per l’autocertificazione si può usare il modulo pubblicato sul sito del Ministero dell’interno (clicca qui).

Si riporta di seguito il testo del comunicato pubblicato sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Roma, 28 marzo 2020

Da oggi entrano in vigore disposizioni stringenti per chi fa ingresso in Italia e scrupolose misure organizzative che devono adottare i vettori e gli armatori (ovvero, il mezzo di trasporto: aereo, marittimo, ferroviario, terrestre), al fine di contrastare il diffondersi dell’emergenza epidemiologica da Covid-19. Lo stabilisce un'ordinanza firmata dalla ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli e dal ministro della Salute, Roberto Speranza.

Chiunque arriva nel territorio nazionale tramite trasporto di linea aereo, marittimo, ferroviario o terrestre, è tenuto a consegnare al vettore all’atto dell’imbarco una dichiarazione che, in modo chiaro e dettagliato, specifichi i motivi del viaggio, l’indirizzo completo dell’abitazione o della dimora in Italia dove sarà svolto il periodo di sorveglianza sanitaria e l’isolamento fiduciario, il mezzo privato o proprio che verrà utilizzato per raggiungerla e un recapito telefonico anche mobile presso cui ricevere le comunicazioni durante l’intero periodo di sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario.

Le persone che fanno ingresso in Italia, anche se asintomatiche, sono obbligate a comunicarlo immediatamente al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio e sono sottoposte alla sorveglianza sanitaria e all’isolamento fiduciario per un periodo di quattordici giorni presso l’abitazione o la dimora preventivamente indicata all’atto dell’imbarco. In caso di insorgenza di sintomi Covid-19, sono obbligate a segnalarlo con tempestività all’Autorità sanitaria. Se dal luogo di sbarco del mezzo di trasporto di linea utilizzato non sia possibile raggiungere l’abitazione o la dimora indicata, l’Autorità sanitaria competente per territorio informa immediatamente la Protezione Civile Regionale che, in coordinamento con la Protezione civile nazionale, determina le modalità e il luogo dove svolgere la sorveglianza sanitaria e l’isolamento fiduciario, con spese a carico esclusivo delle persone sottoposte a tale misura. Le stesse prescrizioni devono essere seguite anche da coloro che entrano in Italia tramite mezzo proprio o privato.

Ad eccezione delle ipotesi in cui vi sia l’insorgenza di sintomi Covid-19, durante il periodo di sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario è sempre consentito alle persone di procedere ad un nuovo periodo di sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario presso un'altra abitazione o dimora diversa da quella segnalata all’Autorità sanitaria, trasmettendo alla stessa la dichiarazione prevista con l’indicazione dell’itinerario che si intende effettuare e il mezzo che verrà utilizzato. L’Autorità sanitaria la inoltra immediatamente al Dipartimento di prevenzione territorialmente competente per i controlli e le verifiche di competenza.

I vettori e gli armatori acquisiscono e verificano prima dell’imbarco la documentazione, provvedendo alla misurazione della temperatura dei singoli passeggeri e vietando l’imbarco se uguale o maggiore di 37,5 gradi e nel caso in cui la documentazione non sia completa. Sono, inoltre, tenuti ad adottare le misure organizzative che assicurano in tutti i momenti del viaggio una distanza interpersonale di almeno un metro tra i passeggeri trasportati e, in caso di trasporto aereo, si raccomanda l’uso da parte dell’equipaggio e dei passeggeri dei mezzi di protezione individuali. Il vettore aereo provvede, al momento dell’imbarco, a dotare i passeggeri, che ne risultino sprovvisti, dei dispositivi di protezione individuale.

Le disposizioni non si applicano all’equipaggio dei mezzi di trasporto, al personale addetto al trasporto merci e al personale viaggiante appartenente a imprese con sede legale in Italia.

Le disposizioni sono efficaci da oggi fino all’entrata in vigore di un nuovo decreto del Presidente del Consiglio.

Questo il testo dell'Ordinanza.

Per avere ulteriori informazioni sugli spostamenti di italiani in rientro dall’estero e cittadini stranieri in Italia, consultare le faq al link.

 

***

 

CORONAVIRUS: NUOVI PROVVEDIMENTI DEL CONSIGLIO FEDERALE ELVETICO

Per far fronte all’emergenza da nuovo COVID-19 e per offrire ai nostri Connazionali un ulteriore servizio d’assistenza, da oggi il nostro Comites attiverà, fino a tutto il periodo emergenziale, un servizio di assistenza psicologica, tramite Sportello telefonico gratuito, rivolto alle/ai Connazionali presenti su tutto il territorio elvetico.

Il servizio di Sportello psicologico, che si affianca allo sportello telefonico e al servizio mail già attivi, sarà di sostegno soprattutto per affrontare stress e disagio psichico che il difficile momento può generare, insieme a fornire la competente assistenza a coloro che, già colpiti da problematiche preesistenti, vedono accrescere i lori sintomi.

Il servizio sarà effettuato attraverso colloqui telefonici gratuiti tenuti dal Dott. Antonio Marcello e dalla Dott.ssa Nella Sempio, entrambi in qualità di psicologici e terapeuti di consolidata esperienza.
I colloqui sono orientati ad offrire un sostegno psicologico qualificato e sono protetti da segreto professionale.

IL SERVIZIO E' GRATUITO.

Non esitate a chiamare o a scrivere un messaggio ad uno dei seguenti numeri: 078 211 15 33 - 076 441 29 53 oppure inviate una mail a marcello.psychologie@gmail.com o info@comites-basilea.ch.
Sarete contatti quanto prima.

RESTIAMO A CASA MA NON SIAMO SOLI!

Si ringrazia il Dott. Antonio Marcello per l'idea e la Sua generosa disponibilità.

 

***

 

NUOVA NOTA INFORMATIVA PER LE/I CONNAZIONALI

Care e Cari Connazionali,

a seguito delle decisioni adottate dal Consiglio Federale mercoledì 18 marzo 2020, le restrizioni alle frontiere già previste per l’Italia la Francia, Germania ed Austria sono estese anche alla Spagna. Le stesse si applicano anche al traffico aereo.

Per coloro che provengono da questi Paesi è in principio escluso l'ingresso nella Confederazione, a meno che si tratti di cittadini svizzeri in rientro, di cittadini stranieri muniti di permesso di soggiorno svizzero o di lavoro. Sono consentiti i transiti ed il trasporto di merci.

Per maggiori informazioni sulle nuove limitazioni decise oggi dal Consiglio Federale elvetico consultare il seguente link https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-78481.html

Si ricorda che, ad oggi, è possibile rientrare in Italia (SI RIMANDA ALLE SPECIFICHE INFO IN CALCE AL COMUNICATO):

a) in aereo: sono attivi due collegamenti al giorno con Alitalia, rispettivamente da Zurigo a Roma FCO e da Ginevra a Roma FCO. Non è possibile prevedere fino a quando saranno operativi. Si prega, pertanto, di consultare il sito www.alitalia.com;

b) in treno: i collegamenti ferroviari con l’Italia sono stati ridotti, ma ad oggi è ancora possibile raggiungere Milano Centrale con treni in partenza da Zurigo, Ginevra e Basilea. A partire da giovedì 19 marzo le corse fino a Milano Centrale saranno sospese e tutte le tratte avranno termine in frontiera (Briga/Chiasso). Si prega di consultare il sito www.sbb.ch;

c) il transito in automobile è al momento consentito attraverso la Svizzera.

Si ricordano, inoltre, le limitazioni agli spostamenti all'interno del territorio italiano introdotte dai DPCM dll'8, 9 e 11 marzo 2020, così come il periodo di quarantena vigente.

Per i domiciliati stranieri in Svizzera, con regolare permesso di soggiorno (permesso L / B / C / Ci), o permesso per frontalieri (permesso G), che si siano recati all’estero (Italia o altri Paesi) il rientro in territorio elvetico è consentito previo il possesso dei documenti sopraindicati e l’obbligo del periodo di quarantena se provenienti da Paesi considerati a rischio.

Per ulteriori informazioni invitiamo a visitare il sito della Confederazione che chiarisce in merito https://www.sem.admin.ch/sem/it/home/aktuell/aktuell/grenzkontrollen.html

Per le/i Connazionali in visita sul territorio elvetico ricordiamo che la durata del soggiorno breve consentito è di 90 giorni su 180. Chi in relazione al Coronavirus non riesce a lasciare la Svizzera invitiamo a contattare l’Autorità migratoria del Cantone di soggiorno per regolarizzare la propria situazione.

I pertinenti indirizzi sono reperibili al seguente link: https://www.sem.admin.ch/sem/it/home/ueberuns/kontakt/kantonale_behoerden/adressen_kantone_und.html

Maggiori informazioni a riguardo sono reperibili anche alla pagina della FAQ del Consiglio Federale elvetico in materia di Entrata/Soggiorno https://www.sem.admin.ch/sem/it/home/themen/einreise/faq.html

Ricordiamo che il nostro sportello telefonico (076 432 34 66 - 076 441 29 53) è attivo il Lunedì, il Martedì e il Giovedì dalle ore 15 alle ore 18, mentre potete sempre scrivere all’indirizzo mail info@comites-basilea.ch.

Ricordiamo, infine, che nella seduta di ieri, 18 marzo c.a., il Consiglio Federale elvetico ha deciso di rinviare a data da destinarsi la votazione popolare federale indetta per il prossimo 17 maggio 2020. Troverete, a riguardo, maggiori informazioni al seguente link https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-78485.html.

E’ di fondamentale importanza rispettare le raccomandazioni e norme in termini di sicurezza emanate dal Consiglio Federale elvetico e dalle Autorità Cantonali per prevenire il contagio e la diffusione del nuovo COVID-19.

 

INSIEME CE LA FAREMO SE INSIEME CI IMPEGNEREMO!

SPECIFICHE INFO PER I TRASPORTI DALLA SVIZZERA VERSO L’ITALIA:

Nello specifico si indica il piano di massima delle coincidenze dei treni, così come comunicatoci da Consolato d’Italia in Basilea. Si raccomanda, vista la continua evoluzione della situazione, di verificare sul sito delle ferrovie svizzere (www.sbb.ch) e di trenitalia (www.trenitalia.it) gli orari per le partenze per l'Italia.

Asse del Gottardo:

Arrivi con EC a Chiasso al minuto xx.55 (arrivi alle 08:55, 09:55, 11:55, 13:55, 14:55, 15:55, 17:55, 19:55, 21:55)

Treni in coincidenza a Chiasso per l'Italia:

Al minuto xx.13 (ogni ora dalle 06:13 alle 22:13) treni S11 per Milano Porta Garibaldi (Tempo di viaggio 68’)
Al minuto xx.31 (ogni ora dalle 06:31 alle 20:31, tranne 09:31 e 10:31) treni RE per Milano Centrale (Tempo di viaggio 46’)

Asse del Sempione:

Arrivi a Briga

da Losanna/Ginevra: ogni ora al minuto xx.02 con treni IR
da Berna: ogni ora al minuto xx.11 con treni IC

Treni in coincidenza a Briga per Domodossola:

Partenza 17:22 e 18:22 (il treno delle 18:22 viaggia solo il lunedì e venerdì) con treni RE e tempo di viaggio 32'

Treni in coincidenza a Domodossola per Milano:

Alle 18:01 con arrivo a Milano Porta Garibaldi alle 20:14
Alle 20:01 con arrivo a Milano Porta Garibaldi alle 22:14

AEREI:

Sono attivi due collegamenti al giorno verso l'Italia con Alitalia:

Zurigo / Roma Fiumicino (ore 11:05)
Ginevra / Roma Fiumicino (ore 11:45)
Non è possibile prevedere fino a quando saranno operativi. Si prega, pertanto, di consultare il sito dell'Alitalia;

 

***

 

NUOVE MISURE CONTRO IL COVID-19 SU TUTTO IL TERRITORIO SVIZZERO. INSIEME CE LA FAREMO!

 

Care e Cari Connazionali,

il Consiglio Federale nella seduta del 13 marzo 2020 ha disposto nuovi provvedimenti per prevenire i contagi e contenere la diffusione del nuovo COVID-19 a tutela della salute della popolazione.

La presa di maggiore responsabilità assunta da parte della Confederazione nel fronteggiare il nuovo coronavirus attraverso misure più incisive richiede un importante coinvolgimento da parte di tutta la società civile.

Siamo tutte e tutti chiamati ad un sacrificio importante attraverso la modifica sostanziale del nostro stile di vita nell’interesse comunitario e nel rispetto della salvaguardia della nostra salute, di quella dei nostri cari e dei nostri concittadini.

Come cittadini italiani residenti all’estero con apprensione e sincero coinvolgimento seguiamo le vicende difficili che coinvolgono i nostri Connazionali in Italia, che la loro responsabilità, insieme a quella assunta dal nostro Governo nell’affrontare l’inedita situazione, siano allora per noi tutti e tutte da esempio e monito qui in Svizzera.

 

Le nuove misure decise dalla Confederazione Federale sono operative dal 13 marzo 2020 ed esse prevedono:

 

-il divieto di manifestazioni pubbliche e private con più di 100 persone; i Cantoni possono prevedere deroghe in caso di un interesse pubblico preponderante, tuttavia anche in questi casi devono essere adottate diverse misure per salvaguardare la salute dei partecipanti. Le manifestazioni con meno di 100 persone devono prevedere le stesse misure. Questo provvedimento si applica anche alle strutture del tempo libero, quali i musei, i centri sportivi, le piscine e le stazioni sciistiche. In riferimento proprio a quest’ultime una nota dell’Ufficio di Sanità Pubblica Federale (UFSP) diramata nella giornata odierna ribadisce che le stazioni sciistiche e altre strutture per il divertimento e il tempo libero in cui si trovano più di 100 persone simultaneamente devono essere chiuse, chiosando «se i gestori non possono garantire il rispetto di questo requisito, devono cessare immediatamente». Tali misuri saranno in vigore sino al 30 Aprile 2020;

-fino al 19 aprile le scuole pubbliche di ogni ordine e grado così come gli istituti di formazione, su tutto il territorio svizzero, resteranno chiuse. Per la scuola dell’obbligo, i Cantoni possono prevedere offerte di custodia.

-i ristoranti, i bar e le discoteche resteranno aperti fino a nuovo ordine ma con il divieto assoluto di accogliere più di 50 persone. Gli avventori devono inoltre poter osservare le raccomandazioni di igiene e di comportamento dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), in particolare quella di mantenere la distanza reciproca di sicurezza.

-l’uso dei trasporti pubblici così come gli spostamenti in generale devono essere ridotto al minimo e solo nei casi di assoluta necessità. Chi ha sintomi di una malattia respiratoria e chi ha più di 65 anni è invitato a non usufruire dei mezzi pubblici. I datori di lavoro sono invitati a concedere ai loro dipendenti orari di lavoro più flessibili al fine di consentire loro di evitare le ore di punta. L’invito della Confederazione ai datori di lavoro è altresì di accordare, ove possibile, ai dipendenti il telelavoro.

-il Consiglio federale ha inoltre introdotto controlli e limitazioni alle frontiere con effetto immediato. Dall’Italia possono entrare in Svizzera soltanto i cittadini svizzeri, le persone con regolare permesso di soggiorno e per motivi professionali (transfrontalieri). Continuano a essere permessi il traffico di transito e il trasporto di merci.

-il Consiglio federale ha stanziato 10 miliardi di franchi per attenuare in modo rapido e non burocratico le ripercussioni economiche della pandemia. L’obiettivo primario è continuare a garantire gli stipendi di tutti i lavoratori e lavoratrici fornendo indennità di lavoro. Invitiamo i Connazionali colpiti da eventuali ingiuste interruzioni di salario a segnalarlo alle autorità Cantonali competenti così come alle Istituzioni Diplomatiche italiane presenti nel nostro territorio, incluso lo scrivente Com.It.Es.

 

Tutte le misure di cui sopra prevedono un imperativo categorico: LA DISTANZA SOCIALE, invitiamo dunque tutte e tutti i Connazionali, nel rispetto della salute dell’intera popolazione, ad agire responsabilmente, limitando le uscite ai casi strettamente necessari o per ragioni di lavoro, e soprattuto mantenendo la reciproca distanza di sicurezza,\ evitando assembramenti, ovvero occasioni di contagio.

 

Ricordiamo, altresì, a tutti i Connazionali che il Consolato d’Italia di Basilea, di competenza della nostra circoscrizione, a partire dal 12 marzo 2020, ha assunto nuove modalità di ricezione del pubblico presso i propri Uffici, ampliando al contempo il servizio di risposta telefonica 061 689 96 26 e via e-mail segreteria.basilea@esteri.it; il Consolato di Basilea ha altresì predisposto sulla propria pagina web una un’apposita sezione costantemente aggiornata che invitiamo a consultare https://consbasilea.esteri.it/consolato_basilea/it/i_servizi/per_i_cittadini/emergenza-coronavirus.html.

 

Lo scrivente Com.It.Es, in collaborazione con il gruppo GIR,  per tutti i Connazionali residenti nella Circoscrizione Consolare di propria competenza è disponibile a supportare attivamente richieste e situazioni di necessità, in caso di domande e difficoltà Vi invitiamo pertanto a contattarci via e-mail al seguente indirizzo info@comites-basilea.ch.

E’ attivo altresì un servizio di sostegno telefonico straordinario per tutti i Connazionali il lunedì, il martedì e il giovedì dalle 15 alle 18 ai seguenti numeri 076 432 34 66 e 076 441 29 53.

Tutto quanto è nelle nostre competenze sarà a Vostra totale disposizione.

Ricordiamo che i provvedimenti decisi dal Consiglio Federale avranno risultati in termini di contenimento del contagio e di prevenzione della salute pubblica soltanto se ciascuna e ciascuno di noi si impegna a rispettarle. Osservare le misure contro il COVID-19 è un impegno civile in primis nei confronti della nostra vita e di quella dei nostri cari e concittadini. Che l’esempio dei nostri Connazionali in Italia sia presente nelle azioni quotidiane di tutte e tutti noi.

Il nuovo coronavirus è pericoloso ma uniti e forti andrà tutto bene!

 

Al seguente link troverete in italiano l’intera ordinanza emanata ieri dal Consiglio Federale e contenente i nuovi provvedimenti contro la diffusione del COVID-19 in svizzera:

https://ufsp-coronavirus.ch/wp-content/uploads/2020/03/AS2020.030.00773I.pdf

 

L’Ufficio Federale Svizzero ha attivato una linea telefonica specifica per situazione sanitarie in materia di nuovo COVID-19, attiva 7 giorni su 7, 24 ore:

0041 58 463 00 00

Tutte le raccomandazioni della campagna d'informazione "Così ci proteggiamo" : https://www.bag.admin.ch/bag/it/home/krankheiten/ausbrueche-epidemien-pandemien/aktuelle-ausbrueche-epidemien/novel-cov/so-schuetzen-wir-uns.html

 

Altri link utili: 

Link alla pagina del sito dell’Ambasciata d’Italia in Svizzera: https://ambberna.esteri.it/ambasciata_berna/it/ambasciata/news/dall_ambasciata/2020/03/avviso-all-utenza-nuove-modalita.html 

Link alla pagina del sito del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero: https://www.sitocgie.com/2020/03/12/schiavone-cgie-facciamo-sentire-la-nostra-vicinanza-ai-connazionali-ovunque/

Link alla pagina del sito del Consiglio Federale dedicato al nuovocornavirs: https://www.bag.admin.ch/bag/it/home/krankheiten/ausbrueche-epidemien-pandemien/aktuelle-ausbrueche-epidemien/novel-cov/massnahmen-des-bundes.html

FAQ sul nuovo coronavirus: https://www.bag.admin.ch/bag/it/home/krankheiten/ausbrueche-epidemien-pandemien/aktuelle-ausbrueche-epidemien/novel-cov/haeufig-gestellte-fragen.html

Sito dell’Ufficio di Sanità Pubblica Federale: https://ufsp-coronavirus.ch

Per le informazioni relative alle misure Cantonali assunte nella nostra Circoscrizione:

Per BASILEA CITTA’ https://www.coronavirus.bs.ch

Per BASILEA CAMPAGNA: https://www.baselland.ch/politik-und-behorden/direktionen/volkswirtschafts-und-gesundheitsdirektion/amt-fur-gesundheit/medizinische-dienste/kantonsarztlicher-dienst/aktuelles

Per l’ARGOVIA https://www.ag.ch/de/themen_1/coronavirus_2/coronavirus.jsp

Per SOLETTA https://so.ch/verwaltung/departement-des-innern/gesundheitsamt/kantonsaerztlicher-dienst/infektionskrankheiten/neues-coronavirus/

Per il JURA https://www.jura.ch/fr/Accueil/Carrousel/Coronavirus-Informations-a-la-population-jurassienne.html

 

Focus Viaggiare Sicuri del Ministero degli Esteri Italiano:

http://www.viaggiaresicuri.it/documenti/FOCUS%20CORONAVIRUS.pdf

 

Link utile per le FAQ sul nuovo coronavirus messo a disposizione dal Ministero della Salute Italiano:

http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioNotizieNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=dalministero&id=4224

INSIEME CE LA FAREMO, GRAZIE!

 

***

POSTCIPATE INIZIATIVE PUBBLICHE ALMENO FINO AL 15 MARZO 2020

Il Com.It.Es di Basilea e Circoscrizione Consolare in adesione alle indicazioni delle autorità cantonali in cui opera e nel rispetto delle raccomandazione federali in materia di prevenzione del rischio contagio da Covid-19 ha deciso, di concerto con tutti i soggetti ed Enti coinvolti, di posticipare gli eventi e le iniziative pubbliche previste almeno fino al 15 Marzo 2020.

Nello specifico la presentazione del “Rapporto degli Italiani del Mondo 2019” a cura della Fondazione Migrantes prevista per venerdì 6 marzo sarà posticipata a sabato 16 maggio alle ore 18.30 sempre presso i locali della Missione Cattolica Italiana di Basilea che ha rinnovato la propria ospitalità.

L’evento informativo organizzato in collaborazione con l’Associazione Solidarietà e Diritti, sul tema del “Mandato previdenziale e Testamento Biologico” e previsto per sabato 7 marzo sarà invece posticipata a sabato 9 maggio alle ore 14.30.

Ringraziamo la comunità tutta per la collaborazione e per l’impegno di voler riservare le nuove date che permetteranno uno svolgimento delle iniziative proposte più sereno, sicuro e rispettoso per tutte e tutti noi.

Cogliamo l’occasione per esprimere la nostra vicinanza a tutta la comunità italiana, svizzera e internazionale che con dignità, unione e forza sta lottando contro la nuova epidemia da Corona Virus.

Il nostro ringraziamento particolare va al personale sanitario e medico e alla comunità scientifica internazionale che in queste settimane sta donando senza tregua le proprie competenze, cure e tempo per la salvaguardia della nostra salute, nonostante le soventi condizioni di precarietà e instabilità lavorativa che caratterizzano il settore. Semplicemente Grazie!

 

IL COMITES DI BASILEA

***

PRESENTAZIONE "RAPPORTO ITALIANI NEL MONDO 2019" - SABATO 16 MAGGIO 2020, ORE 18.30

Il COM.IT.ES DI Basilea e Circoscrizione Consolare e GIR - Giovani Italiani in Rete - in collaborazione con le Missioni Cattoliche Italiane in Svizzera, con il Patrocinio del Consolato d’Italia in Basilea e del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero e il sostegno di Italiani in Movimento/Svizzera:

PRESENTANO

“IL RAPPORTO ITALIANI NEL MONDO 2019”
a cura della Fondazione Migrantes

Giunto alla sua quattordicesima annualità il Rapporto Italiani nel Mondo si interroga e analizza, con un approccio multidisciplinare, il fenomeno migratorio nel suo continuo mutamento e insieme connaturata inarrestabilità.
Di particolare attualità soprattutto nel nostro tempo, la migrazione degli italiani nel Mondo e le migrazioni della comunità umana in generale, rappresentano un fenomeno in continua crescita e che necessita dell’attenzione e dell’analisi di tutte e tutti noi.
Partendo dagli studi raccolti nel Rapporto 2019 invitiamo a una discussione attiva e proficua su un argomento che condiziona la vita quotidiana delle nostre comunità.

INTERVERRANNO:
Nella Sempio, Presidente del Com.It.Es di Basilea e Circoscrizione Consolare
Pietro Maria Paolucci, Console d’Italia in Basilea
Carlo De Stasio, Coordinatore Nazionale delle Missioni Cattoliche Italiane in Svizzera
Michele Schiavone, Segretario Generale del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero
Delfina Licata, Fondazione Migrantes e curatrice del Rapporto
Toni Ricciardi, Storico delle migrazioni presso l’Università di Ginevra

Seguirà aperitivo!

La comunità tutta è invitata a partecipare numerosa!

***

REFERENDUM COSTITUZIONALE DEL 29 MARZO 2020 -

VOTO PER CORRISPONDENZA DEI CITTADINI ITALIANI RESIDENTI ALL’ESTERO E DIRITTO DI OPZIONE PER IL VOTO IN ITALIA

L’Ufficio centrale per il referendum della Corte di Cassazione, con ordinanza depositata in data 23 gennaio 2020, ha dichiarato che la richiesta di referendum sul testo di legge costituzionale recante “modifica degli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari”, è conforme all’art. 138 Cost. ed ha accertato la legittimità del quesito referendario dalla stessa proposto.

Con Decreto del Presidente della Repubblica del 28 gennaio 2020, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 23 del 29 gennaio 2020, è stata fissata al 29 marzo 2020 la data del referendum confermativo popolare, che vedrà coinvolti anche i cittadini italiani residenti all’estero.

Si ricorda che il VOTO è un DIRITTO tutelato dalla Costituzione Italiana e che, in base alla Legge 27 dicembre 2001, n.459, i cittadini italiani residenti all’estero, iscritti nelle liste elettorali, possono VOTARE PER POSTA. A tal fine, si raccomanda quindi di controllare e regolarizzare la propria situazione anagrafica e di indirizzo presso il proprio consolato.

È POSSIBILE IN ALTERNATIVA, PER GLI ELETTORI RESIDENTI ALL’ESTERO ED ISCRITTI ALL’AIRE, SCEGLIERE DI VOTARE IN ITALIA PRESSO IL PROPRIO COMUNE DI ISCRIZIONE ELETTORALE, comunicando per iscritto la propria scelta (OPZIONE) al Consolato entro il 10° giorno successivo alla indizione delle votazioni. Gli elettori che scelgono di votare in Italia in occasione della prossima consultazione referendaria, riceveranno dai rispettivi Comuni italiani la cartolina-avviso per votare presso i seggi elettorali in Italia.

La scelta (opzione) di votare in Italia vale solo per una consultazione referendaria.

Si ribadisce che in ogni caso l’opzione DEVE PERVENIRE all’Ufficio consolare NON OLTRE I DIECI GIORNI SUCCESSIVI A QUELLO DELL’INDIZIONE DELLE VOTAZIONI, OVVERO ENTRO IL GIORNO 8 FEBBRAIO 2020. Tale comunicazione può essere scritta su carta semplice e - per essere valida - deve contenere nome, cognome, data, luogo di nascita, luogo di residenza e firma dell’elettore, accompagnata da copia di un documento di identità del dichiarante.

Come prescritto dalla normativa vigente, sarà cura degli elettori verificare che la comunicazione di opzione spedita per posta sia stata ricevuta in tempo utile dal proprio Ufficio consolare.

La scelta di votare in Italia può essere successivamente REVOCATA con una comunicazione scritta da inviare o consegnare all’Ufficio consolare con le stesse modalità ed entro gli stessi termini previsti per l’esercizio dell’opzione.

Se si sceglie di rientrare in Italia per votare, la Legge NON prevede alcun tipo di rimborso per le spese di viaggio sostenute, ma solo agevolazioni tariffarie all’interno del territorio italiano. Solo gli elettori residenti in Paesi dove non vi sono le condizioni per votare per corrispondenza (Legge 459/2001, art. 20, comma 1-bis) hanno diritto al rimborso del 75 per cento del costo del biglietto di viaggio, in classe economica.

PER ULTERIORI INFORMAZIONI I CONNAZIONALI POSSONO RIVOLGERSI AL CONSOLATO D’ITALIA IN BASILEA

basilea.elettorale@esteri.it 

***

RINNOVO COMITES E CGIE: ELEZIONI RINVIATE DAL 2020 AL 2021

Si informa che ai sensi del c.d. Decreto Milleproroghe (art. 14, comma 3 del Decreto Legge 30 dicembre 2019, n. 162Legge 30 dicembre 2019, n. 162), in deroga all'articolo 8 della legge 23 ottobre 2003, n. 286 e all'articolo 1, comma 323 della legge 23
dicembre 2014, n. 190, le elezioni per il rinnovo dei Comitati degli Italiani all'Estero (COMITES), e quindi anche del Consiglio Generale degli Italiani all'Estero (CGIE), sono rinviate rispetto all'aprile 2020, periodo originariamente previsto. Le elezioni avranno comunque luogo tra il 15 aprile e il 31 dicembre 2021.

***

MOSTRA “LO SGUARDO DI PASOLINI ATTRAVERSO GLI OCCHI DI NOTARANGELO”: con le foto di Domenico Notarangelo tratte dall’Archivio Notarangelo

 

I Com.It.Es di Basilea e Zurigo , in collaborazione con l’Associazione Pasolini a Matera, presentano una mostra evento su due figure di rilievo della tradizione culturale italiana: l’intellettuale Pier Paolo Pasolini il giornalista e fotografo Domenico Notarangelo, che è insieme omaggio a Matera, Capitale Europea della Cultura 2019.

La mostra si pone come percorso espositivo in cui sarà possibile percepire, in scansione sequenziale, il lavoro fotografico e di reportage realizzato da Domenico Notarangelo - e oggi conservato dall’Archivio Notarangelo - sul set del film “Il Vangelo secondo Matteo”, girato a Matera da Pasolini.

In occasione dell’apertura della mostra, sabato 16 novembre alle ore 16, si è svolta una conferenza della Dott.ssa Stefania De Toma, curatrice della mostra, mentre sabato 30 novembre, alle ore 19.30, presso la sala teatro della Parrocchia di San Pio X, in Rümelinbachweg 14, sarà presentata la proiezione del film “Il Vangelo secondo Matteo” per cui Pasolini scelse Matera come scenario in cui ricreare i luoghi del suo Vangelo, in particolare la Palestina.

La mostra ha ricevuto l’Alto Patrocinio e il sostegno dell’Ambasciata d’Italia in Svizzera, del Consolato d’Italia in Basilea, dell’Istituto Italiano di Cultura di Zurigo, del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero, della Società Dante Alighieri e del Forum per l’italiano in Svizzera, della Fondazione Ecap dell’Associazione Svizzera per i Rapporti Culturali ed Economici con l’Italia (ASRI) di Basilea, del gruppo GIR - Giovani Italiani in Rete, di Italiani in Movimento/Svizzera e di Parini’s.

La mostra sarà liberamente visitabile dal 16 novembre al 1 dicembre 2019, presso gli spazi in cui ha sede il Com.It.Es di Basilea, in Nauenstrasse 71, Basilea,

nei seguenti giorni e orari: dal lunedì al giovedì dalle ore 10 alle ore 13, martedì e giovedì fino alle ore 18

LA COMUNITA’ TUTTA E’ INVITATA A VISITARE LA MOSTRA E PARTECIPARE NUMEROSA ALLA PROIEZIONE DEL 30 NOVEMBRE 2019

***

CERIMONIA DI CONSEGNA DEI CERTIFICATII CELI

La Fondazione ECAP, con il Patrocinio del Consolato d’Italia in Basilea, invita alla cerimonia di consegna dei Certificati CELI  che si terrà:

sabato 30 novembre 2019, dalle ore 10 alle ore 12, presso l’Aula Magna dell’Università di Basilea, Petersplatz 1.

L'evento è pubblico e di prezioso interesse, la comunità tutta è inivitata a partecipare.

***

DUE GIOVANI TALENTI ITALIANI: DA BASILEA AL PALCO MONCALIERI JAZZ FESTIVAL

Sabato 9 novembre 2019, Castello Reale di Moncalieri

Una sinergia senza dubbio istituzionale, ma altresì brillante e positiva tra il Consolato d’Italia in Basilea, il nostro Com.It.Es e l’Associazione MoncalieriJazz festival, che porte-rà due giovani talenti italiani a partecipare alla XXIIesima edizione del JazzFestival di Moncalieri.

Grazie all’attenzione verso i musicisti emergenti del Direttore Artistico del Festival, il maestro Ugo Viola, due giovani artisti italiani, Giovanni Vicari e Francesca Gaza, stabiliti-si a Basilea per approfondire il proprio percorso formativo al Jazz Campus, avranno l’occasione di esibirsi all’interno di un festival di riconosciuta importanza che ogni anno si arricchisce di contenuti e presenze di fama internazionale come Albert Hera, Paolo Fre-su, James Senese, Emanuele Cisi e molti altri.

I due giovani musicisti, suoneranno, in formazione con altri due allievi del Jazz Campus di Basilea, sabato 9 novembre nella magica cornice del Castello Reale di Moncalieri, in apertura del concerto del grande jazzista Emanuele Cisi.

Un’occasione unica e di grande importanza a cui insieme al nostro Console, Avv. Pietro Maria Paolucci, musicista anche lui, e alla nostra Presidente, Nella Sempio, siamo felici di aver contribuito.

La partecipazione al Moncalieri Jazz Festival dei due giovani artisti italiani era stata an-nunciata il 5 ottobre u.s. durante la prima edizione dei “Giovani Talenti Italiani In Svizze-ra” organizzata dal gruppo GIR, a cui vanno i nostri sentiti ringraziamenti per aver contri-buito, tra le altre cose, a rendere possibile questa preziosa collaborazione.

Un’ulteriore conferma questa che dimostra come il puntare sulle nostre giovani eccellenze contribuisce tanto a far conoscere e apprezzare il nostro grande patrimonio artistico-culturale all’estero quanto a creare reti e collaborazioni internazionali che arricchiscono non solo i nostri giovani talenti e la loro arte, ma la nostra stessa immagine e cultura na-zionale agli occhi del mondo.

A Giovanni e Francesca e agli altri musicisti dell’Ibraelia Quarter il nostro più sincero au-gurio per l’importante esibizione che li attende.

COM.IT.ES BASILEA

***

XIX SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA NEL MONDO

Venerdi 25 Ottobre, ore 19.30

presso la Missione Cattolica Italiana di Basilea, Rümelinbachweg 14

Nell’ambito della Settimana della lingua italiana nel mondo, con il patrocinio del Consolato d’Italia in Basilea, il COMITES di Basilea, la Fondazione ECAP e la Società Danti Alighieri, presentano:

TERRA MATTA
dall’opera letteraria di Vincenzo Rabito


Bracciante siciliano semianalfabeta classe 1899, Vincenzo Rabito un bel giorno si mise a scrivere la sua autobiografia: un diario di vita di oltre 1’500 pagine dattiloscritte senza margini, con il punto e virgola a dividere una parola dall’altra, una scrittura fonetica con tanti sicilianismi.

L’appassionante narrazione spazia dalla sua nascita 1899 al 1968.
Il lavoro contadino, la fame, il macello della trincea durante la Prima guerra mondiale, l’emigrazione in Germania, gli anni del boom economico, gli anni ’60 e ’70, l’amore per i tre figli da far studiare per riscattare la «descraziata vita passata!».
La sua storia individuale è stata, così, raccordata alla storia del Novecento italiano, la Sicilia all’Italia.

Pubblicato da Einaudi nel 2007, Terra Matta è considerato uno dei “capolavori” delle autobiografie popolari italiane e divenne un vero caso con più di 50'000 copie vendute. La vita di Rabito è divenuta così Letteratura.

Stefano Panzeri, attore, narratore, regista ha tratto da questo densissimo testo quattro spettacoli, di cui presentiamo:

Terra matta 1 (1989 – 1918) la gioventù, lo sforzo di emancipazione e di sopravvivenza alla miseria e sbocca sulle vicende da soldato durante la prima guerra mondiale.

Terra matta 2 (1918 – 1943) la dittatura fascista, l’occupazione tedesca, fino a quando „hanno trasuto li americane“. Accanto alla vicenda di Vincenzo trovano spazio anche le storie di Lina, Saverio ed altri personaggi raccolti dalla viva voce di emigranti italiani Oltreoceano.

PROGRAMMA
19.30 Terra Matta 1
20.30 rinfresco
21.00 Terra Matta 2

ENTRATA LIBERA - LA COMUNITA' TUTTA E' INVITATA A PARTECIPARE NUMEROSA

***

GIOVANI TALENTI ITALIANI IN SVIZZERA
Sabato 5 ottobre 2019 - ore 14

presso Kirchgemeindhaus, St.Jakobstrasse 1, Pratteln

Da un’idea del gruppo GIR, Giovani Italiani in Rete, con il sostegno e la collaborazione del Consolato d’Italia a Basilea, del Comites di Basilea e dei Comites di diverse circoscrizione svizzere, il Patrocinio dell’Ambasciata d’Italia a Berna, del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero e dell’Istituto Italiano di Cultura a Zurigo, avrà luogo un’intera giornata dedicata ai giovani talenti italiani in Svizzera, per esaltare e promuovere le eccellenze nostrane che hanno valorizzato, con passione e dedizione, le proprie doti artistico-musicali, eleggendole a terreno di unicità in terra straniera.

Giovani italiani in Svizzera dai 18 ai 35 che si sono particolarmente distinti in uno degli ambiti culturali individuati: musica, poesia/letteratura, scienza e innovazione tecnologica, arti performative/ pittoriche e artigianato e che sono stati selezionati dopo la presentazione della propria candidatura.

Le giovani eccellenze scelte si esibiranno in coinvolgenti performance per farsi conoscere nel contesto locale, tessere reti con altri giovani residenti in Svizzera e condividere i propri talenti e aspirazioni.

Una giornata all’insegna dell’arte, della musica e della cultura giovanili in una giornata di condivisione che culminerà con il concerto “Soiree` Conte” a cura della PAUL COUNT JAZZ BAND.

Programma della giornata:
ore 14: apertura iniziativa con Saluti istituzionali e del gruppo GIR “Giovani Italiani in Rete”
ore 14.30-18.30: presentazione e performance dei giovani talenti italiani
ore 19.00-20.15: “Soiree` Conte” concerto finale a cura della PAUL COUNT JAZZ BAND.
A seguire Aperitivo con Buffet.

“La cultura non è professione pe
r pochi: è una condizione per tutti, che completa l’esistenza dell’uomo.” Elio Vittorini

 

***

IL SALUTO DEL PRESIDENTE DEL COMITES DI BASILEA
ALL'AMBASCIATORE SILVIO MIGANO

Stimato Diplomatico, con un’accentuata sensibilità e fini doti in campo artistico-letterario, il Comites di Basilea, nella figura del suo Presidente, è desideroso di esprimere il proprio entusiastico benvenuto a S.E. l’Amb. Silvio Mignano, insediatosi a Berna lo scorso Giugno.
Nato a Fondi, in Provincia di Latina, il 23 ottobre 1965, S.E. l’Amb. Silvio Mignano, ha intrapreso la carriera diplomatica nel 1991 dopo aver conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università La Sapienza di Roma.
Numerosi e prestigiosi, quanto impegnativi, gli incarichi ricoperti in rappresentanza delle nostreIstituzioni e della nostra Comunità nel mondo.
Secondo e Primo Segretario presso l’Ambasciata d’Italia all’Avana fino al 1998, prosegue a Nairobi fino al 2001. Rientrato in Patria, S.E. Silvio Mignano è impegnato come Capo della Segreteria della Direzione Generale per i Paesi delle Americhe fino al 2004. Dal 2004 al 2007 riveste il suo primo incarico di Console Generale proprio in Svizzera, a Basilea, città da decenni distintasi per la presenza di una corposa porzione della Comunità di Connazionali residenti in terra elvetica e con la quale il già Console Generale Mignano da subito stringe un proficuo e forte legame, tale da contribuire a rendere il Consolato un punto di riferimento per ogni concittadino ivi residente.
Dopo aver rappresentato le nostre Istituzioni nel prestigioso ruolo di Ambasciatore d’Italia a La Paz, in Bolivia, fino al 2010 e a Caracas, in Venezuela, fino a giugno di questo anno, S.E. Silvio Mignano rientra in terra elvetica alla guida dell’Ambasciata italiana a Berna, accreditato anche a Vaduz.

Le comprovate doti diplomatiche, un’attenta sensibilità nel favorire e sostenere la nostra Comunità nel mondo, insieme ad una diligente cura tanto per la promozione della Lingua e Cultura italiana quanto per gli interscambi commerciali tra il nostro e gli altri Paesi, l’insieme, dunque, di queste abilità, miste a fini qualità umane, ci lasciano presagire una positiva e virtuosa collaborazione tra i diversi organismi di rappresentanza della nostra Comunità e il nostro Ambasciatore, S.E. Silvio Mignano.
La conoscenza del territorio e della società locale e il legame maturato con essa favoriranno senz’altro il lavoro e l’attenzione dell’Ambasciatore nel rappresentare il nostro Paese e la nostra Comunità, in un momento storico importante quanto delicato, in cui la mobilità italiana è in crescita e in cui, specie in Svizzera, si registra un aumento della nostra presenza che ormai sfiora le 640 mila unità.

La presenza di una comunità italiana così grande e anche così eterogenea, si pensi alla crescita dei giovani italiani in mobilità e all’attenzione e alle soluzioni che un tale fenomeno richiede, reclama una virtuosa sinergia tra l’Ambasciata d’Italia e tutti gli organi di rappresentanza dai Comites, Intercomites, CGIE e Consoli. Una sinergia già in essere e di cui attualmente possiamo andare orgogliosi; per quel che concerne il nostro Comites, dal proficuo rapporto con il Console d’Italia di Basilea, Avv. Pietro Maria Paolucci, che per appartenenza di Circoscrizione abbiamo avuto modo sin da subito di stabilire, condividendo la medesima dedizione e sensibilità verso la nostra Comunità di connazionali, al costante impegno del CGIE nella promozione della nostra Collettività nel mondo e per il collegamento di questa con l’Italia e le sue Istituzioni, sino al prezioso e importante contributo dell’Intercomites, sede di confronto e condivisione imprescindibili.
Questa virtuosa sinergia, siamo assolutamente fiduciosi di veder incrementata e consolidata grazie all’impegno dell’Amb. Silvio Mignano.
Non da ultimo, il talento e la passione di S.E. l’Amb. Silvio Mignano espressi in campo poetico, letterario e pittorico, ci consegnano la convinzione di un’alta sensibilità e humanitas orientate non solo verso la promozione della nostra Lingua e Cultura, ma anche verso la nostra Comunità e le sfide sociali e culturali che, oggi più di ieri, essa ci pone.

Con l’augurio, dunque, di un piacevole incontro a breve, diamo il più sincero ed entusiastico Benvenuto e Bentornato al nostro Ambasciatore Silvio Mignano.

Il Presidente del Comites Basilea e Circoscrizione consolare
Nella Sempio

***

INIZIATIVA DI RESTITUZIONE DEL SEMINARIO DI PALERMO E LANCIO PROGETTO “GIR” – GIOVANI ITALIANI IN RETE

 

 

Dal 16 al 19 Aprile si è svolto a Palermo il Seminario organizzato dal Consiglio Generale degli Italiani all’Estero (CGIE),

durante il quale 115 giovani italiani provenienti da tutto il mondo si sono riuniti con l’obiettivo di costituire una

Rete di giovani italiani nel mondo attraverso la quale condividere proposte e progetti finalizzati al coinvolgimento e

alla promozione delle nostre comunità all’estero.

A seguito di quanto elaborato ed emerso dalle giornate del Seminario di Palermo, il COM.IT.ES. di Basilea Vi invita a

partecipare al lancio della rete dei Giovani Italiani in Svizzera e alla presentazione e discussione dei progetti collettivamente

elaborati durante le giornate di Palermo. L’iniziativa si terrà:

Giovedì 13 Giugno alle ore 18.30, presso i locali della Parrocchia di San Pio X, Rümelinbachweg 14, Basilea

L’obiettivo del GIR "Giovani Italiani in Rete" è di sviluppare nuovi progetti sul territorio per fare sistema Paese e

contribuire alla creazione di una solida rete di giovani italiani in Svizzera, coinvolgendo e promuovendo le nostre comunità all’estero. 

PROGRAMMA 

18.15 - Apertura Porte

18.30 - Benvenuto e saluti istituzionali

18.45 - Presentazione attività e finalità del Com.It.Es. e del CGIE

19.45 - Presentazione del Seminario dei Giovani a Palermo e discussione sui progetti elaborati

20.30 - Aperitivo Network con la musica di Giovanni Vicari e Daniel Somaroo. Giovanni Vicari è un cantante,

cantautore e chitarrista proveniente da Cuneo. Affonda le sue radici nella tradizione folk, nella musica popolare,

così come nel jazz. Ha studiato chitarra jazz alla scuola di Basilea, insieme ai maestri Wolfgang Muthpsiel, Lionel Loueke,

Julian Lage, Larry Grenadier. Si esibisce dal vivo con molte formazioni di diverso genere, dal free jazz all’electro pop.

Daniel Somaroo è un contabbassista e produttore nato a Caracas. Iniziando con la musica classica, si evolve attraverso

la musica folklorica venezuelana, fino ad arrivare al jazz. Ha studiato a Basilea con Larry Grenadier e Bänz Oester.

 

Sei un/a giovane italiano/a in Svizzera? Vuoi fare parte della nuova rete dei giovani italiani in Svizzera e sviluppare progetti

per giovani italiani sul territorio e nel mondo. Allora vieni al nostro Aperitivo Network per il lancio della rete di Giovani Italiani all'estero!

Giovedì 13 Giugno alle 18.30, non mancate!

***

IN OCCASIONE DELLA 74° ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE ITALIANA

Giovedi 25 Aprile 2019, ore 18.30

presso Missione Cattolica Italiana di Basilea, Rümelinbachweg 14

Il Comites di Basilea e Il Consolato d'Italia a Basilea, in collaborazione con le Colonie Libere Italiane di Basilea e Rheinfelden, invitano alla proiezione del docufilm “LIBERE”
di Rossella Schillaci, dedicato al ruolo svolto dalle donne nella Resistenza e nelle Lotta Partigiana. Prodotto dall'Archivio Nazionale cinematografico della Resistenza, con il sostegno dell’Assessorato alla Cultura di Torino e Piemonte Doc Film Fund, "Libere" di Rossella Schillaci è dedicato alla Resistenza come spazio storico-politico di insorgenza in cui le donne hanno avuto un protagonismo cruciale. "Libere" ha, tra gli altri, il merito di contribuire a colmare il silenzio della Storia sul ruolo avuto dalle donne nella lotta di Liberazione.

PROGRAMMA DELLA SERATA
- Saluti della Presidente del Comites di Basilea e Circoscrizione Consolare, Nella Sempio
- Saluti del Console d’Italia a Basilea, Pietro Maria Paolucci
- Introduzione e visione del docufilm
- Dibattito a cura del GIR "Giovani Italiani in Rete" di Basilea

INGRESSO LIBERO

 

***

 

IL NOSTRO BENVENUTO AL NUOVO CONSOLE DI BASILEA, AVV. PIETRO MARIA PAOLUCCI

Il 4 Marzo 2019 l'Avv. Pietro Maria Paolucci ha assunto la prestigiosa funzione di Console d'Italia nei cantoni di Basilea città, Basilea campagna,dell'Argovia, del Giura e di Soletta.

Nato a Castel Sant'Elia (Viterbo), classe 1963, il Console Paolucci ha una pluridecennale esperienza nella pubblica amministrazione, in virtu' della quale ha portato la sua professionalità al servizio di diversi Ministeri fino a giungere alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con la funzione di

Referendario.

Nella sua prolifica attività nella pubblica amministrazione il Console ha assunto incarichi di alto

profilo in istituzioni strategiche del Paese, con attività di gestione dei rapporti con le istituzioni ai

diversi livelli di governo nazionale europeo ed internazionale.

Approfondita la conoscenza delle dinamiche istituzionali sui versanti politico e amministrativo.

L'alto profilo professionale che caratterizza la sua esperienza a servizio delle nostre Istituzioni,

ci dona la massima fiducia oggi nel rivestire la prestigiosa funzione di Console di Basilea e degli

altri Cantoni di competenza del nostro Comites.

Confidando in un'intensa e proficua collaborazione, il Comites di Basilea e Circoscrizione Consolare

dà il Benvenuto e augura al Console Paolucci buon lavoro!

 

Al seguente link il messaggio del Console rivolto ai connazionali:

messaggio-ai-connazionali-del-console

***

 

INCONTRI PREPARATORI VERSO LA SECONDA CONFERENZA MONDIALE DEI GIOVANI ITALIANI NEL MONDO

Dal 16 al 19 Aprile 2019 si terrà  Palermo la Seconda Conferenza dei Giovani Italiani nel Mondo.

Organizzata dal Consiglio Generale degli Italiani all'Estero (CGIE), con il patrocinio del Ministero degli

Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e il partenariato del Comune di Palermo, la

Conferenza riunirà 150 giovani dai 18 ai 35 anni di prima, seconda o terza generazione residente all'estero.

La Conferenza costituisce una preziosa opportunità per i giovani connazionali che si riuniranno

sul tema "Nuove migrazioni nuove pratiche -cittadini sparsi, non spersi".

Obiettivo della Conferenza, a dieci anni dalla sua prima edizione, è quello di dar voce ai bisogni dei giovani

italiani nel Mondo, stimolarne e supportarne i progetti, fornendo dei primi strumenti necessari alla creazioni

di reti che sappiano andare oltre l'evento di Palermo.

Il Comites di Basilea, Argovia, Soletta e Giura è impegnato nella promozione di incontri e iniziative preparatorie

atte a informare e connettere i giovani della nostra Circoscrizione Consolare. Gli incontri hanno anche l'obiettivo di

scegliere il delegato che rappresenterà la nostra Circoscrizione Consolare durante i lavori di Palermo, facendosi portavoce

di quanto discusso ed elaborato collettivamente durante gli incontri insieme agli altri giovani.

Invitiamo i giovani dei Cantoni di Basiela, Argovia, Soletta e Giura a segnalare la loro disponibilità a partecipare

ai nostri incontri preparatori e alla scelta del delegato che seguirà a Palermo i della Conferenza, inviando una

mail a info@comites-basilea.

Per info e materiali sulla Seconda Conferenza dei Giovani Italiani nel Mondo:

www.nuovemigrazioninuovepratiche.it

***

Sabato 20 Ottobre 2018 - ore 19.00, presso RKK Pfarramt St.Peter und Paul, Kummelenstrasse 3, 4104 Oberwil

RECITAL PIANISTICO E OPERISTICO DI ANTHONY CIACCO & LAURA ORLANDI

con musiche di L.v.Beethoven, J. Brahms, F.Chopin, W.A. Mozart, G. Puccini.

        

***

LABORATORIO TEATRALE DI BASE PER OVER 60: "RACCONTARSI A TEATRO"

Il Comites di Basilea, in collaborazione con la Missione Italiana di Basilea organizza un Laboratorio Teatrale di Base rivolto agli Over 60, "Raccontarsi a teatro".

Il laboratorio, interamente gratuito, intende offrire, attraverso la finzione scenica, la possibilità di raccontare e sperimentare situazioni con cui riscoprire il valore del gioco, liberare le potenzialità creative di chi vi partecipa, catalizzando le energie in un percorso di crescita personale e sociale.

Il laboratorio prevede otto incontri e inizierà Martedi 6 Novembre 2018 per concludersi Domenica 16 Dicembre con una rappresentazione aperta al pubblico.

Per info e iscrizioni contattataci via mail a info@comites-basilea.ch o chiamaci al 076/432 34 66

 

***

Prossimo referendum costituzionale: modalità di voto per iscritti AIRE

La segreteria CGIE in vista del Referendum Popolare Confermativo del 4 dicembre prossimo fa sapere che gli elettori residenti all’estero ed iscritti nell’AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero) riceveranno come di consueto il plico elettorale al loro indirizzo di residenza. Qualora l’elettore non lo ricevesse potrà sempre richiederne il duplicato all’Ufficio consolare di riferimento. Si ricorda che è onere del cittadino mantenere aggiornato l’UFFICIO CONSOLARE competente circa il proprio indirizzo di residenza.


Chi invece, essendo iscritto nell’AIRE, intende votare in Italia, dovrà far pervenire all’UFFICIO CONSOLARE competente per residenza (Ambasciata o Consolato) un’apposita dichiarazione (vedasi fac-simile) su carta libera che riporti: nome, cognome, data e luogo di nascita, luogo di residenza, indicazione del comune italiano d'iscrizione all'anagrafe degli italiani residenti all'estero, l'indicazione della consultazione per la quale l'elettore intende esercitare l'opzione.

Ulteriori informazioni possono essere trovate nella Lettera inviata dal CGIE.

***

Il COMITES di Basilea sostiene la petizione per i corsi di lingua e cultura italiana

Il COMITES di Basilea ha appreso con grande preoccupazione dei pesanti tagli ai contributi ministeriali 2016 agli enti gestori dei corsi di lingua e cultura italiana in Svizzera. Nel settembre 2015, per sopperire alla riduzione del contingente di docenti ministeriali gli enti gestori dei corsi si sono fatti carico di centinaia di corsi che, altrimenti, sarebbero stati soppressi. Nella circoscrizione consolare di Basilea gli enti gestori FOPRAS ed ECAP hanno rilevato una cinquantina di corsi garantendo a oltre 700 alunni la possibilità di proseguire i loro studi di italiano.

 

I tagli ai contributi MAECI mettono seriamente a rischio il sistema corsi. Nella circoscrizione consolare di Basilea a partire da agosto 2016, con l’inizio dell’anno scolastico 2016/2017, molti corsi rischiano di essere soppressi oppure ulteriormente ridotti nel loro orario settimanale con ripercussioni negative sulla qualità dell’insegnamento.

Per questo motivo il COMITES di Basilea ha deciso di sostenere la petizione per i corsi di lingua e cultura italiana lanciata da alcuni docenti. Il COMITES invita tutti connazionali a firmare e far firmare la petizione.

Il modulo della petizione da scaricare pdf

 

***

Accordo fiscale Italia-Svizzera

Informazione ai connazionali sulla corretta dichiarazione del patrimonio estero

Pubblichiamo due presentazioni curate dalle fiduciarie BDO e IBS AG e gentilmente messe a disposizione dal VIM (Valori italiani nel mondo) sull'accordo fiscale Italia-Svizzera e la corretta dichiarazione al fisco del patrimonio estero. Ringraziamo il VIM e le fiduciarie per aver messo a disposizione il materiale.

Capitali esteri relazione in italiano pdf

Vermögenswerte Ausland relazione in tedesco pdf

***

Riattivati i rapporti con le associazioni

Il Comites di Basilea, che comprende i cantoni di Argovia, Basilea Città, Basilea Campagna, Giura e Soletta, ha deciso di incontrare le associazioni italiane che operano in questi cinque cantoni. Le riunioni informative si sono svolte quasi a cadenza settimanale nei mesi di aprile e maggio direttamente sul territorio e nei corrispettivi cantoni. Il Console, dott. Michele Camerota, ha seguito dove possibile queste riunioni e ha portato il saluto da parte delle istituzioni italiane e spiegato la sua linea guida per quanto riguarda il rapporto tra il Consolato e i Connazionali che vivono nella Circoscrizione Consolare di Basilea. Il Console ha mostrato molto interesse per le problematiche che riguardano direttamente le associazioni, ma anche e soprattutto i nostri connazionali.

  

Il Comites ha avuto modo durante questi incontri di incontrare la comunità e le associazioni e di poter capire direttamente dagli esponenti di quest’ultime quali sono le sfide, ma anche le opportunità e i punti d’incontro. C’è la speranza di riuscire a veicolare e tramandare queste associazioni ai giovani e così facendo riuscire a portare avanti la storia e la cultura italiana in questa zona della Svizzera.

 

L’interesse e la volontà delle associazioni, delle istituzioni italiane e del Comites è di riuscire a mantenere un filo diretto, sperando che questi incontri non rimangano l’eccezione, ma che si trovi l’opportunità di riuscire ad incontrarsi regolarmente per uno scambio di idee oppure per trovare eventuali soluzioni a problemi. Il Comites è disponibile ad una proficua collaborazione con le associazioni e chiede l’aiuto di quest’ultime per riuscire ad integrare delle persone nelle proprie Commissioni e riuscirlo a fare con degli esponenti che vivono e conoscono il proprio territorio.

È nell’intenzione di queste Commissioni di lavorare a dei progetti concreti e farlo seguendo un obiettivo comune, quello di fare gli interessi di tutta la comunità italiana, ma considerando le differenze e gli aspetti locali e regionali.

 

Una di queste commissioni “Servizi Consolari”, ha presentato durante questo “potpourri” di incontri un’indagine sulla qualità e l’efficienza dei servizi offerti dal Consolato in passato ai propri connazionali. Questa indagine potrà solamente essere rappresentativa e dare un risultato rilevante, se saranno tanti i connazionali a partecipare all’indagine qualitativa sui servizi offerti dal Consolato. Per questo motivo la Commissione ha chiesto il sostegno alle associazioni per distribuire i formulari dell’indagine anonima e per la raccolta dei risultati. Le associazioni hanno accolto con soddisfazione e sono favorevoli a quest’iniziativa e si adopereranno per sostenere questa Commissione e l’indagine.

 

Il Console di Basilea, dott. Michele Camerota, la presidente del Comites di Basilea, Nella Sempio e tutto il suo Comites, sono certi di aver fatto un primo passo nella giusta direzione e ringraziano le associazioni di aver partecipato a questi incontri sperando in una sempre maggiore partecipazione e reciproca collaborazione.

pdf Il comunicato della commissione

***

Comunicato


In data 2 marzo il Signor Marco Tommasini ha pubblicato un articolo nel proprio profilo facebook a firma di Marco Tommasini in qualità di "Responsabile della Commissione Tutela e Partecipazione del COMITES di Basilea".

Il COMITES di Basilea precisa che l’articolo è una presa di posizione personale del Signor Marco Tommasini e non del COMITES nel suo insieme in quanto organo di rappresentanza della collettività.L'autore dell'articolo si assume in pieno la responsabilità di quanto afferma.

L’assemblea plenaria del COMITES di Basilea riunita ad Olten in data 9 marzo 2016 non intende prendere posizione su un’indagine in corso della magistratura.

Nella Sempio, Presidente COMITES Basilea

***

Il messaggio del nuovo Console d'Italia in Basilea Michele Camerota

Care e cari connazionali,

è con grande entusiasmo che ho accolto la decisione della Farnesina di conferirmi l’incarico di Console d’Italia nei cantoni di Basilea città, di Basilea campagna, dell’Argovia, del Giura e di Soletta. Sono consapevole della responsabilità che mi attende e, vi assicuro, onorerò quest’impegno con dedizione, passione e disponibilità.

È un privilegio rappresentare una Comunità così importante come quella degli italiani in Svizzera, che sono oggi oltre 600.000 in tutta la Confederazione e ben 100.000 nella circoscrizione del Consolato di Basilea. Se la Svizzera, Paese amico legato da eccellenti relazioni all’Italia, è oggi un modello di società per efficienza e funzionalità, lo si deve anche al sacrificio e all’ingegno dei tanti connazionali che hanno contribuito alla sua costruzione.

Il primo obiettivo che mi pongo riguarda l’erogazione dei servizi ai connazionali, i quali devono trovare nel Consolato uno sportello amico che ne comprenda le esigenze, e talvolta le urgenze. Lavoreremo per aggiornare e migliorare ulteriormente i servizi e per questo vi chiedo comprensione e collaborazione. Chi lavora per la Pubblica Amministrazione sente la missione e il dovere di rendere un servizio al cittadino-contribuente e le gratificazioni vengono dallo svolgere con puntualità e correttezza le proprie funzioni.

Il secondo obiettivo, di non minore importanza, riguarda la promozione del ‘marchio Italia’: fornire l’immagine di un Paese che innova e si rinnova, una società civile al passo con i tempi in grado di offrire talenti e saperi al patrimonio comune. Proprio la Svizzera, e Basilea in particolare, città dinamica e vivace dalla grande tradizione culturale e artistica, sono meta di una nuova emigrazione di professionisti e lavoratori qualificati che fanno onore all’Italia e con i quali vorrei stabilire una forte sinergia che valorizzi il ‘sistema Paese’.

L’Italia è amata e ricercata nel mondo: non dobbiamo adagiarci su questo, ma lavorare per aumentare la domanda e l’offerta del made in Italy in un mondo dove la competizione è un ineludibile stato di fatto. Accettare le sfide del presente e rilanciare con una visione del futuro, con lo spirito di amicizia, solidarietà e buone relazioni che ci contraddistinguono.

Dobbiamo osare di più: nei settori economico e commerciale, culturale, eno-gastronomico e turistico, scientifico e tecnologico. E possiamo farlo, anche contando sulle ottime relazioni con le autorità elvetiche che condividono l’interesse a sviluppare nuove forme di collaborazione.

Il Consolato, in stretto contatto con l’Ambasciata e con il nuovo Ambasciatore Marco Del Panta, è a vostra disposizione e contiamo su un dialogo diretto e continuo con tutti voi.

Un caro saluto

Michele Camerota

***

Avviso importante a tutte le associazioni

Riapertura del Portale Associazioni italiane nel mondo

Il competente Ufficio del Ministero degli Affari Esteri e l'Ambasciata d'Italia in berna comunicano che dal 30 novembre 2015 è stato riaperto a tempo indeterminato il “Portale Associazioni italiane nel mondo”, al fine di poter inserire le nuove realtà associative presenti sul territorio. Le nuove associazioni dovranno, come avvenuto per i precedenti inserimenti, ottemperare ai requisiti previsti dalla pdf Circolare del 9 ottobre 2013 . E’ stato altresì comunicato che i consolati dovranno procedere a cancellare quelle associazioni che non dovessero più essere rispondenti a tali requisiti. Ai Consolati è data comunque facoltà tenerle presenti per ogni eventuale attività promossa dagli uffici consolari.

Il COMITES di Basilea invita tutte le associazioni della Circoscrizione Consolare di Basilea ad iscriversi all'albo consolare. Al momento infatti risultano iscritte soltanto 31 associazioni della circoscrizione consolare di Basilea. pdf Albo delle associazioni presso l'Ambasciata d'Italia in Berna.

***

Comunicato Intercomites

Il 2015 ha visto finalmente il rinnovarsi dei Com.It.Es. e del C.G.I.E. Nuova linfa è stata introdotta nella rappresentanza italiana, che deve subito confrontarsi con le incomplete e mai risolte riforme di politica emigratoria, così come anche con l’annosa questione dei contributi destinati agli Italiani all’Estero.

Il 10° Rapporto Migrantes "Italiani Nel Mondo" presentato a Roma il 6 ottobre u.s., conferma che il flusso migratorio verso l’estero è aumentato. Nel 2014 gli espatri sono stati 101.297, il 7,5% in più dell’anno precedente, in prevalenza uomini (56%), ma anche tante donne (48,1) e minori (15,2%). I cittadini italiani residenti all’estero iscritti all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (AIRE) al 1° gennaio del 2015 sono 4.636.647. Una tendenza che non si registrava da oltre vent’anni.

Il flusso migratorio attuale è composito, vi son giovani ricercatori, ma anche tanti artigiani, laureati, imprenditori, operai. Tanti sono giovani, ma tanti sono anche meno giovani e tante sono le famiglie che decidono di lasciare l’Italia alla ricerca di un futuro migliore.

Gli Italiani all’estero costituiscono quindi una comunità vera, insediatasi in diversi paesi del pianeta, a cui occorre guardare con interesse e darle il giusto sostegno in termini di servizi, di attività e di risorse, che diano un senso di appartenenza e di identità, usando anche le tecnologie più moderne.

Non bisogna farsi ingannare dalla globalizzazione che potrebbe indurre a pensare che esser cittadini del mondo voglia dire non aver bisogno di nulla! Lo Stato sa benissimo che una comunità non può esistere senza regole e quindi senza documenti! Documenti che sono ancora più preziosi se ci si trova in una nazione straniera, dove si è ancora più avidi di Italianità e di strumenti che aiutino a costruire la propria identità, come i corsi di lingua e cultura italiana, le associazioni e le rappresentanze, che insieme a tutta la comunità civile non, promuovono l’Italia all’estero ed attuano il processo che porta all’integrazione e al riconoscimento dell’individuo nella nuova realtà.

Si assiste, invece, ormai da anni, a restrizioni e tagli lineari. Chiusure di Consolati, riduzione di Enti Gestori, diminuzione forzata dei corsi con conseguente perdita di alunni, riduzione di Comites, ristrutturazione del CGIE, riduzione di insegnanti e personale ministeriale scolastico e non, riduzione dei fondi allocati, che nei paesi a valuta forte come in Svizzera, subiscono negativamente anche l’effetto del cambio valutario.

Dal 2007 gli Italiani all’estero stanno pagando quindi a doppio per questa crisi, sia in termini di strutture, sia in termini di risorse economiche e di tasse. A pagare sono quindi proprio coloro che da sempre rappresentano il paracadute per l’Italia.

Bisognerebbe invertire la rotta e parlare di riforme, di investimenti, di programmazione e di coordinazione dell’intervento statale. Visti gli indicatori economici di ripresa e di crescita, il Governo dovrebbe intervenire con misure anticicliche e di rilancio dei potenziali asset delle imprese e della presenza italiana nel mondo.

Il risparmio è d’obbligo e necessario, ma la riduzione ad esempio del Cap. 3153 da € 11.919.796 del 2015 a € 8.625.548 prevista per il 2016, diventa pericolosamente minatoria dello standard di qualità delle strutture e delle attività esistenti dei Corsi di Lingua e Cultura Italiana che sono nuovamente in piena espansione con un numero crescente di alunni iscritti. Senza contare che il carico finanziario è stato spostato sugli Enti Gestori, che peraltro ancora non ricevono il suppletivo promesso per il corrente anno. Lo stesso dicasi per tutti gli altri settori.

Il Coordinamento dei Comites in Svizzera invita il Governo ed il Parlamento ad una riflessione più approfondita per giungere a conclusioni più conformi ed accettabili e ad avviare una programmazione seria e riflettuta per rilanciare la politica degli Italiani e dell’Italia stessa all’estero.

Losanna, 31 ottobre 2015

pdf Il comunicato da scaricare

***

Lettera informativa sui corsi di lingua e cultura italiana

Il Consolato di Basilea, l'Ufficio Scolastico e gli enti gestori FOPRAS ed ECAP hanno pubblicato una lettera informativa sui corsi di lingua e cultura italiana che contiene molte informazioni utili per i genitori. Di seguito ne riportiamo il testo:


Che cosa sono i corsi di lingua e cultura?

Sono corsi finanziati dal Ministero degli Affari Esteri e dal contributo delle famiglie. In questi corsi le scolare e gli scolari hanno la possibilità di rafforzare la propria identità approfondendo le loro conoscenze della lingua e della cultura italiana
Perché è importante la frequenza dei corsi?
· Conoscere meglio l’italiano aiuta i ragazzi a mantenere i loro contatti con i parenti e con il loro paese di provenienza
· Attraverso i corsi i bambini nati in Svizzera comprendono meglio la cultura, il modo di vivere della propria famiglia e del paese d’origine
· Chi conosce bene la propria lingua e cultura si integra meglio e ha più disponibilità e attenzione verso le altre culture
· Padroneggiare la lingua materna aiuta ad apprendere le lingue straniere
· Gli scolari vivono con più successo e sicurezza tra le due culture
· Con una buona padronanza di più lingue si hanno notevoli vantaggi nel campo professionale
L’Ufficio scolastico del Consolato d’Italia in Basilea
· Coordina le attività scolastiche nella Circoscrizione
L’Ufficio scolastico del Consolato d’Italia in Basilea, la Fondazione ECAP e la Fondazione FOPRAS:
· Organizzano vari corsi di lingua e cultura nei cantoni di Basilea-Città, Basilea- Campagna, Soletta, Argovia e Giura
Le Fondazioni ECAP e FOPRAS:
· Forniscono il materiale didattico e i libri di testo per tutta la circoscrizione consolare di Basilea
· Organizzano l’aggiornamento per tutti i docenti dei corsi
Consigli per i genitori:
· Usate a casa la lingua madre!
· Iscrivete i Vostri figli ai Corsi di lingua e cultura
· Partecipate alle serate informative organizzate dal Consolato e dagli insegnanti
· Contribuite a sostenere finanziariamente la continuità dei corsi in questo difficile momento per l’economia del nostro paese
· Non esitate a dare un feedback sui corsi

Per ricevere ulteriori informazioni scarica la lettera informativa pdf dove troverai tutti i recapiti utili.

***

 

Consulta l'Archivio per leggere le iniziative recenti del COMITES.

 


>> pagina aggiornata al 28-Aug-2020 <<